Emozioni a Caorle (Venezia) per il premio Hemingway

Col cuore in gola, sul prestigioso palco del premio papa Hemingway di Caorle, a presentare “Tutte le donne del presidente”, di fronte a un pubblico attento e numerosissimo. Temevo di non farcela: improvvisamente, la mia mamma-bis, Angiola, era appena tornata a riabbracciare il suo Renino. Ma sentivo che stava lì, ne ero certa. Ed entrambi mi hanno dato la forza, in una serata unica, accanto al mio mitico co-autore Pino Scaccia, all’imam siriano Nader Akkad e alla giornalista Micalela Zucconi.  Ciao nonna di Silvia, continuerò a baciarti nei sogni, là dove le nostre anime si incontreranno ancora.  (Anna Raviglione)

 

Luglio è il mese di Ernest Hemingway perché a luglio è nato (1899) e a luglio è morto (1961). Nobel e premio Pulitzer, eroe e cacciatore, non può che essere un riferimento importante per chi ha dentro il sacro fuoco della scrittura, un mito. Potete immaginare dunque l’emozione per aver visitato nei giorni scorsi la sua casa di caccia a San Gaetano, nella laguna di Caorle. Sono andato in quel villaggio “di là del fiume, tra gli alberi” quasi come in pellegrinaggio. Mi è parso di vederlo, tra le barche e mille cimeli, mi sono seduto accanto come un bambino che ascolta le favole. E mi sono sentito più ricco, ma anche più piccolo di fronte a quella macchina da scrivere e a quella fotocamera. (Pino Scaccia)

 

Un pensiero su “Emozioni a Caorle (Venezia) per il premio Hemingway

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...